L’Italia non ha controllato le 73 società di criptovalute che ha approvato quest’anno

19
275
L'Italia non ha controllato le 73 società di criptovalute che ha approvato quest'anno

Le società iscritte a un nuovo registro per le imprese di criptovalute dicono di aver ottenuto l’approvazione normativa in Italia, ma non sono ancora state controllate per verificarne la conformità.

L’Italia potrebbe approvare le richieste delle società di criptovalute di operare nel Paese senza effettuare i dovuti controlli per assicurarsi che siano sicure per gli investitori.
Quest’estate, una serie di importanti società di criptovalute – tra cui Coinbase, Binance e Crypto.com – hanno annunciato di aver ottenuto l’approvazione normativa per continuare a operare in Italia. In effetti, le società sono state inserite in un registro istituito per garantire la conformità delle aziende agli standard antiriciclaggio del Paese.
L’Organismo Agenti e Mediatori (OAM), un organo di vigilanza che gestisce gli elenchi degli agenti finanziari, come i mediatori creditizi e i cambiavalute, che operano nel Paese, si è dato da fare. Mentre le autorità di regolamentazione sono solitamente criticate dal settore per i ritardi nell’elaborazione delle domande, l’OAM italiano ha rapidamente aggiunto 73 società di criptovalute – tra cui quelle sopra elencate – al suo nuovo elenco di fornitori di servizi di valuta virtuale, aperto solo a maggio.

Quando Coinbase è stata aggiunta al registro dell’OAM a luglio, l’azienda ha dichiarato di aver raggiunto “una pietra miliare” nel percorso per servire i clienti europei, aggiungendo di essersi assicurata “l’approvazione delle autorità di regolamentazione italiane per fornire servizi di criptovaluta continuativi ai suoi residenti”. Dichiarazioni simili sono state rilasciate da Binance e Crypto.com.
L’ottenimento dell’approvazione normativa o la qualificazione per la registrazione presso un’autorità di regolamentazione locale indica agli investitori che una società è stata esaminata dalle autorità competenti del Paese. Ma in Italia, l'”approvazione regolamentare” a cui si fa riferimento in queste dichiarazioni potrebbe non avere il peso di garanzia che implica.

Sebbene la registrazione presso l’OAM sia ora obbligatoria per continuare a operare nel Paese, nessuna società è stata controllata prima di essere aggiunta all’elenco. L’OAM ha confermato a CoinDesk che sta ancora decidendo come raccogliere i dati rilevanti dalle aziende e che probabilmente non inizierà a raccogliere informazioni prima del prossimo anno. Ciò significa che le autorità di vigilanza italiane non stanno attualmente monitorando i flussi di fondi o i controlli in atto per impedire ai criminali o ai cattivi attori di utilizzare queste piattaforme per spostare denaro.
“L’Italia è probabilmente, per quanto ne so, la giurisdizione con il processo più semplice. Si tratta solo di una registrazione”, ha dichiarato Francesco Dagnino, managing partner di Lexia Avvocati, uno studio legale con sede a Milano che ha gestito le domande di iscrizione per circa 16 delle 72 società presenti nell’elenco OAM.

Il processo di registrazione italiano è “molto leggero” rispetto ad altre giurisdizioni dell’Unione Europea e non richiede il rispetto di particolari requisiti – come l’integrità operativa o gli standard antiriciclaggio (AML) – ai fini della registrazione, ha dichiarato Dagnino.

Per fare un paragone, l’Autorité des marchés financiers (AMF) francese richiede alle società di presentare quattro diversi moduli che descrivono in dettaglio le operazioni, la gestione esecutiva, gli azionisti significativi e i controlli interni antiriciclaggio per guadagnarsi un posto nel registro crittografico equivalente del Paese. Anche alcune piattaforme globali come Binance e Crypto.com hanno ottenuto la registrazione presso l’AMF.
Il Bitcoin, che nel 2009 si presentava con un manifesto che prometteva di sconvolgere la finanza tradizionale, potrebbe aver previsto un’industria crittografica che si vantava di preservare la privacy e di eludere l’influenza o le interazioni con le istituzioni e le autorità di regolamentazione che hanno spianato la strada alla crisi economica del 2008. Ma il settore ha fatto molta strada, passando da reti di nicchia a un mercato globale multimiliardario.

Man mano che il mondo delle criptovalute si espandeva, invitando un numero sempre maggiore di persone nelle sue complesse pieghe, le borse di scambio centralizzate hanno iniziato a sbandierare l'”approvazione regolamentare” come un distintivo d’onore, segnalando agli investitori che queste società sono sicure e che rispettano gli standard antiriciclaggio o di protezione degli investitori stabiliti dalle giurisdizioni in cui operano.

Nel pieno dell’inverno più freddo mai registrato per le criptovalute, quando alcuni dei principali operatori del settore sono crollati insieme ai prezzi di mercato, la notizia dell’approvazione di una piattaforma di criptovalute da parte di un’autorità di regolamentazione sembrava avere un peso ancora maggiore del solito. Quando l’emittente di token sportivi Socios ha dichiarato che le autorità di regolamentazione italiane l’avevano approvata dopo che l’azienda era stata aggiunta all’elenco OAM, i token dei tifosi di calcio si sono impennati nei giorni successivi.

Nella sua più recente valutazione, il Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale (Financial Action Task Force) ha dichiarato che le attuali misure italiane per contrastare il riciclaggio di denaro sono “ampie e mature”, ma “le autorità di vigilanza devono dedicare maggiori sforzi per garantire che il quadro giuridico sia effettivamente attuato dai soggetti dichiaranti”.

Un posto nel registro

A febbraio, l’Italia ha attuato le nuove norme antiriciclaggio per i fornitori di servizi di asset virtuali (VASP) che operano nel Paese. Il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha imposto la creazione di un registro speciale per le criptoimprese.

Una volta che l’OAM ha aperto il registro a maggio, tutte le società di criptovalute già operanti nel Paese e quelle che desideravano entrare nel mercato hanno dovuto richiedere la registrazione. I VASP che già offrivano servizi agli italiani dovevano fare domanda per essere aggiunti al registro entro il 15 luglio. Una volta presentata la domanda, l’OAM deve approvare o negare l’iscrizione al registro entro 15 giorni.

La domanda richiede la presentazione di 10 informazioni, tra cui la ragione sociale, il codice fiscale (facilmente reperibile presso un ufficio dell’Agenzia delle Entrate), l’indirizzo e-mail, gli eventuali punti operativi fisici, compresi i bancomat, e l’indirizzo web.

Soprattutto, per poter accedere al registro, il richiedente deve anche fornire una “sede legale e, se diversa dalla sede legale, la sede amministrativa”. Se l’ufficio del VASP si trova in un altro Stato membro dell’UE, è necessario istituire una “stabile organizzazione” sul territorio italiano. In parole povere, un ufficio operativo o un punto fisico in Italia è un requisito per qualificarsi per il registro, ha detto l’OAM a CoinDesk in una dichiarazione scritta.

Questo però non significa che le aziende si stiano effettivamente insediando in Italia.
Binance, ad esempio, ha un indirizzo nella provincia di Lecce, come risulta dal registro, con il nome di Binance Italy LLC. Tuttavia, la società non ha grandi progetti per l’ufficio.
“Abbiamo in programma di aprire presto degli uffici in Italia e stiamo valutando le opzioni in tutta Italia. L’ufficio di Lecce è solo un passo formale e, molto probabilmente, non sarà l’ufficio amministrativo”, ha dichiarato Simon Matthews, direttore delle pubbliche relazioni di Binance in Europa, in una e-mail a CoinDesk.

Sia Crypto.com che Coinbase hanno indicato lo stesso indirizzo locale nel registro OAM: Stradello Marche 6, 43121 nella città italiana di Parma. Un portavoce di Coinbase ha dichiarato a CoinDesk che la società non ha una “presenza fisica in Italia” e che l’indirizzo appartiene al commercialista della società. I portavoce di Crypto.com non hanno risposto a una richiesta di commento.

Entrambe le società hanno una “stabile organizzazione” in Italia, quindi sono conformi ai requisiti di registrazione, ha dichiarato OAM a CoinDesk.

Non è una licenza

Un posto nel registro dell’OAM è una promessa che l’azienda sarà esaminata dalle autorità di regolamentazione in futuro per assicurarsi che sia conforme ai requisiti locali in materia di antiriciclaggio.

Gli operatori iscritti nel registro sono “legalmente riconosciuti come servizi legittimi in Italia”, secondo l’OAM, che ha aggiunto che nei prossimi mesi intende iniziare a raccogliere “dati sui clienti” e informazioni sulle “operazioni effettuate” dalle società.

“Non è che si ottiene letteralmente una licenza. Non significa che si supera un particolare esame da parte delle autorità di regolamentazione”, ha detto Dagnino.

Un altro grande nome della lista è quello della borsa di criptovalute Bitpanda, con sede in Austria, che ha iniziato a operare in Italia nel 2021.

“Va ricordato che la registrazione come VASP presso l’OAM non è la fine del processo, ma solo un primo passo”, ha dichiarato Martin Erhold, responsabile delle politiche pubbliche di Bitpanda, in un’e-mail a CoinDesk. “Tutti i VASP saranno ora direttamente esaminati per la conformità alle norme antiriciclaggio applicabili e dovranno dimostrare che le loro configurazioni sono efficaci”.

Bitpanda era una delle aziende che operavano in Italia ben prima dell’apertura del registro.
“Avevamo già una filiale e un team locale a Milano… un prerequisito per operare in modo appropriato sul mercato, quindi eravamo già soggetti alle leggi italiane, compresa la normativa fiscale locale”, ha detto Erhold.

Binance ha rifiutato di commentare le implicazioni fiscali.

Erhold ha descritto la registrazione OAM come un processo “semplice e senza intoppi”, ma ha detto che non tutte le società hanno seguito il percorso di Bitpanda.
“Oggi vediamo che solo pochi operatori leader si sono registrati e non hanno una chiara intenzione di localizzare le operazioni nel mercato italiano”, ha detto Erhold. Non ha fatto i nomi dei principali operatori.

Comments are closed.